Repubblica - Aloe Arborescens Etnea - Vendita prodotti e adozione piante

Vai ai contenuti

Menu principale:

Repubblica

Edicola

Tratto da "la Repubblica"

La legge sulle cure alternative è congelata. Ma sono già cento le Asl che fanno sperimentazione. Caso spinoso, la chiropratica.

Piante, erbe, animali: metodi naturali che si sposano al carattere del paziente.
L'omeopatia a portata di ticket, decolla in Italia l'altra medicina
CHE COS'E' L'OMEOPATIA
FARMACIE
CHE COSA FANNO GLI OMEOPATI
GLI OMEOPATI
I PAZIENTI
I MALATI SONO CURATI CON QUEI PRODOTTI CHE, SOMMINISTRATI SPERIMENTALMENTE SU INDIVIDUI SANI, DETERMINANO LA COMPARSA DI SINTOMI CHE DEVONO ESSERE SIMILI AI SINTOMI DEL MALATO.
DOVE SI TROVANO FARMACI OMEOPATICI
7.500
I PRODOTTI VENGONO SOMMINISTRATI DILUITI, A DOSI PICCOLISSIME, DOPO AVER SUBITO UN PROCEDIMENTO, IN MODO DA PERDERE TOSSINE
7.000
6 MILIONI CIRCA

Giulia Maria Crespi: rimedi naturali ovunque         
"Curo così il mio bestiame"

Alcune strutture pubbliche che forniscono servizi di medicina non convenzionale.
TORINO - CIRIE' ASL 6 : AGOPUNTURA, TERAPIA ANTALGICA
MILANO - OSPEDALE LUIGI SACCO: MASSAGGI SHIATSU, AGOPUNTURA
FIESOLO POLIAMBULATORIO: FITOTERAPIA
ROMA - OSPEDALE FATEBENEFRATELLI: OMEOPATIA
NAPOLI - OSPEDALE ASCALESI, (UNIVERSITA' FEDERICO II): OMEOPATIA
REGGIO CALABRIA: CHIPRATICA
CATANIA - UNIVERSITA': OMEOPATIA

MILANO - "Da 40 anni mi curo esclusivamente con farmaci omeopatici. Ho curato in questo modo i miei due figli, Aldo e Luca, da quando avevano due anni. Curo così i miei cani. E così si curano i miei sette nipotini. Come 6 milioni di italiani, che hanno scoperto i benefici di questa medicina. Ma la lobby delle case farmaceutiche fa di tutto per difendere i suoi interessi. E combatte in ogni modo il diffondersi dell'omeopatia. Che andrebbe applicata anche in zootecnia nella cura del bestiame". Giulia Maria Mozzoni Crespi, pioniera dell'agricoltura biodinamica in Italia, da anni difende l'omeopatia e in particolare la medicina antroposofica, fondata da Rudolf Steiner, che ai principi omeopatici si è ispirato.
      Signora Crespi, come ha scoperto l'omeopatia?
      "Grazie a un amico che me l'ha consigliata. E da quando l'ho provata non l'ho più abbandonata. Anche nel caso di malattie gravi. Silvio Garattini, dell'Istituto Mario Negri, dice che l'omeopatia sarebbe tutta "placebo", cioè acqua fresca. Ma se è un placebo che cura e guarisce 6 milioni di italiani, ben venga l'acqua fresca".
     Un placebo che non può essere somministrato al bestiame.
     "Questa è un'assurdità. La mia azienda agricola biodinamica del pavese,. le Cascine Orsine, ha ricevuto una multa di 40 milioni perché avevamo dato al bestiame un farmaco omeopatico. Esiste una norma comunitaria che obbliga gli allevatori biologici a usare farmaci omeopatici. Però in Italia non sono autorizzati".
     Come farete?
      "Ho scritto una lettera al ministro Veronesi nella quale chiedo di rendere disponibili per gli allevatori i medicinali omeopatici. In analogia a quanto gia previsto nella Finanziaria per l'omeopatia umana".

Brescia, un ambulatorio fa un buon bilancio
"Allergie e ansie si curano esaminando la personalità"
MILANO - La signora Anna aveva una fastidiosa cistite. Il suo medico di base le prescrive l'antibiotico. Ma non passa. Così comincia una sequela di visite e di analisi: urologo, neurologo. Niente da fare. A quel punto, sono passati mesi, la signora sente parlare del nuovo ambulatorio omeopatico della Asl di Brescia. Là lavora il dottor Tarcisio Prandelli, che, in base ad un lungo colloquio, le prescrive Staphysagria 200 Ch. "Dopo una settimana, mi ha telefonato, dicendo che si sentiva "in paradiso", ma vedremo tra un mese se è davvero guarita", Possibile? Molti penseranno si tratti di suggestione, che in termini medici si chiama "effetto placebo" . Staphysagria è il rimedio omeopatico più simile alla paziente in questione in base alla sua personalità che esprime rabbia repressa, ipersensibilità. "Un altro caso tipico, racconta Prandelli, è stato quello di una bambina con la psoriasi, malattia della pelle, che non si riusciva a far guarire". Indagando sulla situazione della ragazzina, l'omeopatia ha scoperto che l'inizio del disturbo coincideva con la nascita del fratellino. E' stato questo il sintomo mentale che ha guidato il medico verso la scelta del rimedio. "Quasi tutti arrivano qui dopo lunghe peregrinazioni, da cui non hanno avuto miglioramenti, dice Prandelli, non sono mai casi semplici". L'ambulatorio di omeopatia della Asl di Brescia è stato aperto nel novembre 1999: a chiederlo ara stato un gruppo di cittadini con 2500 firme.
    Nel primo anno di attività le visite sono state 211(157 donne e 54 maschi, 166 adulti e 45 bambini); la prima visita costa 100.000 per gli adulti e 80.000 per il bambini. Gli utenti, nel questionario fornito loro dalla Asl, si dichiarano soddisfatti, sia dalla visita medica che dall'insieme del servizio. In questo anno e mezzo il livello degli utenti è cambiato, da medio-alto è diventato di più di massa.
    I motivi principali per cui si ricorre all'ambulatorio omeopatico sono le allergie (26%), seguite dall'ansia (il 22%), dai disturbi respiratori e digestivi (18%), e via via dai dolori articolari (17%), disturbi della pelle e insonnia (12%) ecc. Molti dei pazienti pensano che ci sia una pillola omeopatica contro il mal di gola oppure contro il dolore al ginocchio e così via. "E' un'idea sbagliata, trasmessa dai mass media. Poi si rendono conto che l'omeopatia è un'altra cosa, che fa una valutazione completa della persona e che è necessario un approccio complessivo alla proprio salute".

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu